verza

NOME: La verza, detta anche cavolo verza o cavolo di Milano, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Crucifere, il che la rende molto simile, soprattutto nel sapore, al cavolo cappuccio. A differenza del cavolo cappuccio, la verza ha foglie grinzose, croccanti e di grandi dimensioni, increspate e ricche di nervature sporgenti. La parte commestibile è un cuore di foglie più chiare che forma una palla ben compatta.

DIFFUSIONE: La coltivazione più diffusa del cavolo verza è quella autunno-invernale al sud Italia, ma viene coltivata anche in Piemonte, in Lombardia, Trentino, in Veneto e in Emilia Romagna.

PROPRIETA' e BENEFICI: Il cavolo verza è un ortaggio davvero poco calorico e molto saziante. La verza contiene vitamina A, vitamina C, e vitamina K. In più, è ricca di sali minerali come il potassio, il ferro, il fosforo, il calcio e lo zolfo (al quale si deve il suo caratteristico odore durante la cottura), elementi indispensabili per la costituzione di cellule e tessuti e per l’idratazione cutanea. Proprio in virtù della grande quantità di sali minerali che quest’ortaggio apporta all'organismo, è bene farne uso in tutti i casi di debilitazione ed anche per rinforzare le difese immunitarie dell’organismo. Inoltre, un suo consumo abbondante svolge azione disinfettante e antibiotica sia per l'intestino sia per l'apparato respiratorio. Per maggiori informazioni http://www.cure-naturali.it/cavolo-verza/3678

ALLEATA DI: Apparato respiratorio, tessuti, sistema immunitario.

UTILIZZO: Per valorizzare maggiormente il sapore e le caratteristiche nutritive e terapeutiche della verza il modo ideale è mangiarlo crudo, dopo averlo sottilmente tagliato e condito con olio extravergine di oliva e un pizzico di sale; una spruzzatina di semi di cumino ne migliora la digeribilità e l’aroma. Se decidete di cuocerlo, per il cavolo verza è sufficiente una cottura breve e a temperatura contenuta. È tuttavia da preferire la cottura al vapore oppure stufare la verza in padella. Se centrifugato, il succo fresco di cavolo è utile nella prevenzione della degenerazione delle articolazioni, sia per le cure di la cura di artriti e artrosi.

- Cannelloni alla verza e carote
- Involtini di verza e patate al curry
- Risotto alla verza
- Involtini di verza ripieni di riso
- Vellutata di verza
- Polpette di verza
- Chips di verza al forno
- Crauti fatti in casa
- Ravioli a vapore ripieni di seitan e verza
- Arrosto vegetariano alla verza e funghi

CURIOSITA':

- Dalla lacto-fermentazione del cavolo si ricavano i crauti che sono il più noto alimento ottenuto dalla fermentazione lattica. La lacto-fermentazione, in effetti, è un processo attraverso il quale dagli alimenti di partenza se ne ottengono altri completamente trasformati, con caratteristiche aromatiche e di digeribilità del tutto nuove. I crauti contengono grande quantità di colina, una sostanza che ha la capacità di abbassare la pressione sanguigna, regolarizzare l’assorbimento dei grassi nell’organismo e facilitare il passaggio di nutrienti nel sangue.
- Le verze migliori e più tenere sono quelle che hanno subito la prima gelata invernale.
- Conosciuto fin dall'antichità, il cavolo era considerato sacro dai Greci; i Romani lo utilizzavano per curare le più svariate malattie e lo mangiavano crudo, prima dei banchetti, per aiutare l'organismo ad assorbire meglio l'alcool. Oggi, nei paesi dell'Est, se ne mangiano foglie crude dopo aver esagerato con la vodka.

PROVERBI E MODI DI DIRE:

- Arrivare come i cavoli a merenda = non aver niente a che fare con la questione, essere del tutto inadatto
- Salvare capra e cavoli = salvaguardare due obiettivi apparentemente inconciliabili. Il modo di dire nasce da un famoso gioco di logica
- Testa di cavolo = imbecille
- Col cavolo! = nemmeno per idea
- Non capire un cavolo = non capire assolutamente niente

IL CAVOLO VERZA... IN UNA CANZONE: Cavoli Amari – Gatto Panceri