canasta

NOME: Il nome “lattuga” deriva dal lattice che viene emesso alla rottura  dei tessuti delle nervature o delle radici (dal latino lactuca, da lac-lactis, latte). La canasta fa parte della famiglia della lattuga, dal cespo di forma leggermente allungato di colore verde/rossastro brillante, ha foglie leggermente increspate, con punte frastagliate e dalla consistenza tenera.

DIFFUSIONE: Di origine ancora piuttosto incerta (forse proviene dalla  Siberia), l’insalata era già  conosciuta  e coltivata dai  Romani, che  la consumavano associata a foglie aromatizzanti di ruchetta. Fino al Rinascimento la coltivazione interessò pochissime varietà, che fecero poi registrare un netto incremento a partire dal XVII secolo, in seguito all'avvento di una nuova tecnica che consentì la coltura forzata di questi vegetali. Cristoforo Colombo portò la lattuga nelle Americhe. Coltivata ovunque.

PROPRIETA' e BENEFICI: Composte soprattutto di acqua e fibre e di basso valore calorico, le lattughe rivestono un importante ruolo nella nostra alimentazione grazie soprattutto al loro ricco apporto in sali minerali. Sono indicate nella stitichezza, nell’obesità, nel diabete,  nell’iperuricemia  e  gotta,  nella  nefrite  e  nell’insonnia  (contengono  sostanze  sedative).  Possiedono  inoltre proprietà rinfrescanti e digestive. La Canasta (simile alla Gentilina) è ricca di fibre, potassio e vitamine A e C. Contiene anche moderate quantità di vitamine D, E, K, calcio, fosforo, magnesio e zolfo. Svolge un’azione lassativa, ha proprietà lievemente analgesiche e sedative. Per il suo basso contenuto calorico è particolarmente indicata nelle diete.

Maggiori informazioni: scheda prodotto oppure
https://www.cure-naturali.it/enciclopedia-naturale/alimentazione/nutrizione/lattuga.html 

ALLEATA DI: intestino, stomaco, sonno

UTILIZZO: Viene usata come contorno e come guarnizione per piatti a base di carne e pesce; oppure da sola, accompagnata con altre verdure o da erbe aromatiche. Poiché l’aceto lacera le foglie, si consiglia di condirla con limone o con aceto balsamico.

CURIOSITA':

- Fin dall'antichità erano conosciuti molti tipi di lattuga: a tutti venivano riconosciute proprietà calmanti, rinfrescanti e stimolanti dell'appetito. In realtà, il lattice delle lattughe è una sostanza complessa che esercita un'azione analgesica e sedativa e si pensa che se consumate copiosamente nel pasto serale, concilino il sonno e favoriscano la distensione.
- Le lattughe si possono usare sia a scopo alimentare che curativo. Le foglie della lattuga fresca si usano per curare le irritazioni della pelle, i gonfiori da contusioni, gli eritemi solari. Basterà  versare  in  una  pentola  qualche  cucchiaio  di  acqua, aggiungi alcune foglie intere di lattuga dopo averle pulite e lavate. Far bollire il tutto per cinque minuti. Spegnere la pentola e lasciare raffreddare il tutto. Prendere una garza e metterci sopra le foglie di lattuga, aggiungere sopra di esse qualche goccia di olio d'oliva extra vergine. Stenderlo con un dito e ricoprire il tutto con un'altra garza. Applicare l'impacco sulla parte da curare.

PROVERBI E MODI DI DIRE:

- Can dell'ortolano, non mangia la lattuga, e non la lascia mangiare agli altri
- A ben condire l’insalata ci vuole un avaro per l’aceto, un giusto per il sale, uno strambo per l’olio.
- L’insalata non è bella se non vi è della novella.

L'INSALATA... IN UNA CANZONE: La gonna e l’insalata – Adriano Celentano

 Acquista qui (se disponibile)