feijoa

NOME: La Feijoa sembra una prugna per la sua forma allungata, ma ha la buccia verde scuro. All’esterno è liscia oppure un po’ irregolare, all’interno è invece paragonabile al melone invernale, con una polpa più tendente al bianco e piena di piccoli semi. Se però vogliamo scegliere un frutto che assomigli alla Feijoa per sapore, dobbiamo sceglierne un altro ancora: l’ananas. Esatto, l’ananas con un tocco di fragola, ma con il grande pregio di poterlo gustare in pieno inverno.

DIFFUSIONE: Originaria dell’America meridionale, questa pianta viene coltivata anche in Italia, nelle zone in cui il clima è mite: al Sud, in Toscana e in Liguria. In generale inizia a verdeggiare verso marzo, i primi fiori compaiono a maggio e restano per quasi l’intera stagione estiva. Dove cresce l’ulivo, anche la pianta della Feijoa si trova bene, sistemata a distanza di 4-5 metri dalle sue compagne, e può campare anche 60-70 anni, basta che non arrivino gelate fino a -7 gradi e che il terreno non abbia ristagni idrici.

PROPRIETA' e BENEFICI:  La principale caratteristica per cui la Feijoa è nota, nel suo piccolo, è il suo elevato contenuto di vitamina C. Il valore calorico della Feijoa è modesto, 70 Kcal/100 g di polpa, anche il colesterolo è quasi zero, in compenso abbiamo nel piatto un frutto ricco di fibre, di beta carotene, di vitamina B6, di sali minerali, di iodio e degli importanti flavonoidi che sono ottimi per un buon funzionamento dell’apparato circolatorio. La presenza di quercitina e di canferolo nella polpa, secondo alcuni studi, potrebbe anche avere un effetto anticancerogeno, il che renderebbe la Feijoa ancora più apprezzata. Per maggiori informazioni https://www.ideegreen.it/feijoa-frutto-proprieta-84181.html

ALLEATA DI: Apparato cardiovascolare, tiroide.

UTILIZZO: La Feijoa si mangia come se fosse un kiwi, va divisa a metà e poi mangiata con un cucchiaino, per non perdersi il gusto della sua succosa polpa, molto delicata ma non insipida. Mangiato fresco questo frutto è un ottimo spuntino, anche accoppiato con altri tropicali, in una macedonia per un spuntino o anche in formato spremuta. Così come molti frutti, anche la feijoa aiuta a curare la propria bellezza. Spesso, infatti, viene impiegata per la cura della pelle, in particolare quella del viso. Maschere, saponi e creme a base di questo frutto abbondano nella cosmesi, proprio per via delle sue preziose proprietà. Quella idratante è tra le sue azioni più efficaci, nutrendo la pelle a fondo e rendendola perfettamente setosa. Grazie a questa proprietà, la feijoa purifica la pelle combattendo l’opacità dovuta all’età e ai fattori ambientali.

RICETTE:

Involtini prosciutto e feijoa

Plum-cake di yougurt e feijoa

Marmellata di feijoa

Torta di feijoa

Crepes feijoa e mele

Torta di feijoa con cioccolato e nocciole

CURIOSITA':

- Per il consumo fresco, è importante che i frutti di feijoa siano pienamente maturi. Questo perché, altrimenti, la parte commestibile non solo risulterebbe non del tutto gradevole al palato, ma anche decisamente ridotta rispetto alla porzione rappresentata dai semi e dalla buccia. Non è però semplice capire quando la feijoa è giunta a maturazione, perché esternamente assume il suo aspetto tipico già nelle prime fasi di crescita. Nei luoghi d’origine, le tempistiche di consumo sono facilmente comprese dai cicli della pianta: il frutto, quando maturo, si stacca infatti spontaneamente dall’albero ed è immediatamente pronto per la degustazione. Per gli esemplari acquistati, invece, non è semplice determinare il grado di maturazione: sarà necessario, di conseguenza, procedere a una blanda palpazione. La feijoa dovrà risultare consistente ma anche sensibile alle pressione, al tatto lievemente più resistente rispetto a una banana.

 Acquista qui (se disponibile)